MASSARIA PRATI FURIA trio

Sabato 24 febbraio ore 21 - Arcote Atelier, via Cuneo 43g

Il concerto si terrà presso Arcote in via Cuneo 43g Torino il sabato 24 febbraio ore 21.

 

Ingresso libero.

  

Il primo set, più lungo, sarà del trio, mentre nel secondo, più corto, si aggiungeranno tre improvvisatori torinesi legati alla sperimentazione; Johnny Lapio, Francesco Partipilo e Michele Anelli (praticamente metà Arcote project).

  

Walter Prati è una figura storica dell'avanguardia europea (storico collaboratore di Evan Parker, Giancarlo Schiaffini con cui ho inciso diversi dischi e fatto diversi live a Torino), in allegato un link con informazioni più specifiche, ed è da un po' che è assente da Torino.

  

http://www.walterprati.it/about/ 

 

Massaria - Prati - Furia trio 

Andrea Massaria: chitarra ed effetti

Walter Prati: live electronics/violoncello

Massimiliano Furia: batteria/percussioni

 

Per poter riflettere in modo onesto le proprie emozioni, la propria individualita', il proprio modo d'essere, la formula del trio, per Andrea Massaria Walter Prati e Massimiliano Furia si e' rivelata particolarmente adatta e questo nuovo progetto nasce cosi' dall'unione di tre personalita' musicali molto forti ed estremamente collaborative e creative.I tre musicisti , all'interno del trio, si esprimono in maniera molto libera, creando situazioni musicali diverse e stimolanti, esplorando sonorita' originali e moderne anche mediante l'uso di effetti ed elettronica senza pero' mai dimenticare la lezione della tradizione jazzistica.

 

Il trio propone musiche originali basate sulla creazione istantanea e temi o frammenti di temi presi da standards della tradizione jazzistica in cui la scrittura diventa uno spunto, un incipit su cui l’interplay improvvisativo crea la situazione sonora.

 

La ritmica fantasiosa e stimolante di Massimiliano Furia unita alla sensibilita' ed alla ricercatezza della chitarra di Andrea Massaria  agli effetti sonori sempre stimolanti di Walter Prati, la cura del sound d'insieme, la ricerca continua dell'interplay e l'uso non convenzionale degli strumenti suonati sono le caratteristiche piu' salienti del trio.


Porta Palace Collective con Rob Mazurek STONE - Rudi, 2017

28 novembre 2017

 

Uscirà a dicembre il terzo album del Porta Palace Collective; dopo le collaborazioni discografiche con Giancarlo Schiaffini, Satoko Fuji e Natsuki Tamura, il collettivo torinese guidato da Johnny Lapio presenta quella con  Rob Mazurek. La personalità del trombettista americano si integra bene nei percorsi musicali del collettivo, che si sviluppano in larghe zone d’improvvisazione all’interno di chiare strutture compositive. Registrato dal vivo a Torino l’album vede tra gli ospiti anche il sassofonista Pasquale Innarella.


Torino Night Ensemble feat. Don Moye

14 giugno 2017

 

Don Moye, batteria
Johnny Lapio, composizione – conduzione – tromba
Francesco Partipilo, sax contralto
Giuseppe Ricupero, sax tenore
Beppe Golisano, sax baritono
Lino Mei, pianoforte
Michele Anelli, contrabbasso
Sarah Bowyer, digital performance
Luogo del concerto: Arcote Jazz Torino – Via Cuneo, 43/g – Torino
In collaborazione con:
Associazione Arcote Jazz Torino
Charlie Bird Jazz Club
Associazione Soul Nassau


Il jazz tra Barriera di Milano e Porta palazzo

di ilTorinese pubblicato venerdì 14 aprile 2017

 

Johnny Lapio, Classe 1980, conseguita la maturità scientifica, si laurea in Scienze dell’Educazione e si qualifica in criminologia presso l’Università Pontificia. Studia la tromba e il pianoforte (ma è attirato anche dal teatro e dalla pittura) si inserisce ben presto nel filone dell’avanguardia sperimentalista di John Cage, avviandosi alla ricerca musicale e in seguito musicoterapica. Si diploma al Conservatorio dell’Aquila, di Cuneo e all’Accademia di Belle Arti di Brescia. Attualmente insegna Nuovi linguaggi della performance, Musicoterapia e Arteterapia presso L’Accademia di Belle Arti di Brescia. Vince numerosi concorsi, residenze e premi sia musicali che artistici, sia nazionali che internazionali, tra cui Real Presence (Belgrado), Premio Speciale di Presidenza (AIL Roma), Giovani Talenti delle Alpi Latine, Movin’up, Premio Speciale Movin’up e molti altri. Compositore, la punta di diamante della sua musica di avanguardia è senza dubbio la collaborazione in atto dal 2013 con il compositore di fama mondiale Sylvano Bussotti.

 

Omaggio a Sylvano Bussotti

13 settembre 2017

Si è tenuto ieri presso il Museo del Novecento di Milano l’omaggio a Sylvano Bussotti dal titolo “Respirando Appagato“, realizzato in collaborazione con l’Associazione NoMus.
 Nella sala dell’Arte Povera del Museo del Novecento di Milano si è tenuto ieri l’omaggio a Sylvano Bussotti. Giuseppe Giuliano ha eseguito i “Quattro pezzi per David Tudor per pianoforte”, intercalati dalla lettura di poesie e sonetti del compositore a cura di Ugo Martelli.
Johnny Lapio e l’Arcote Project – composto da Johnny Lapio alla tromba, Luca Biggio al tenore, Lino Mei al pianoforte, Luca Curcio al contrabbasso, Davide Bono alla batteria, Sarah Bowyer live painting, con lo special guest Gianluca Petrella al trombone – hanno poi eseguito “Regards”, una riduzione per sestetto dell’opera originariamente scritta per pianoforte e orchestra.


Musica e arte - Intervista a Johnny Lapio

JAZZIT - 19 maggio 2017

Trombettista, compositore, artista, direttore… difficile classificare Johnny Lapio, un personaggio a tutto tondo che da anni arricchisce la vita culturale torinese e non solo, dati i suoi frequenti viaggi all’estero. Ha di recente vinto il premio Musica e Territorio assegnato dal Centro Studi Cultura e Società (patrocinato da Regione Piemonte, Città di Torino e città metropolitana) e il Premio Speciale Movin  nato in collaborazione con Mibact, direzione generale dello spettacolo e Giovani Artisti Italiani. Lo abbiamo intervistato nella sede della scuola che dirige, Arcote Atelier.



RASSEGNA MUSICALE
BEER & JAZZ ON MONDAY 2017  -  4^ EDIZIONE!!!
Tutti i lunedì sera dalle ore 21.30 il Jazz sposa la birra artigianale con "Beer & Jazz on Monday", presso il Birrificio Torino la rassegna a cura di Arcote Jazz Torino con la direzione artistica del trombettista torinese Johnny Lapio. Ogni lunedì una nuova birra artigianale sarà presentata dalla musica di ospiti illustri del jazz italiano.

h 21 Presentazione e discussione di "Eseguire l’inatteso. Ontologia della musica e improvvisazione", Roma, il Glifo 2016.

Interventi di Alessandro Bertinetto, Mirio Cosottini, Vincenzo
Santarcangelo, Carlo Serra.

h 22 Performance di "Dettagli" di Mirio Cosottini
(Prima esecuzione italiana).
Mirio Cosottini (tromba), Johnny Lapio (tromba), Donato Stolfi
(batteria), Giorgio Fiorini (contrabbasso) & chiunque vorrà
partecipare con il suo strumento.

Il libro discute diverse posizioni filosofiche relative all’ontologia della musica, per difendere due tesi interconnesse. La prima tesi concerne il carattere specifico dell’ontologia dell’improvvisazione musicale, irriducibile, per la coincidenza d’invenzione e performance, ai modelli oggi più in voga di ontologia musicale. La seconda tesi è più generale: proprio per questa sua specificità, l’improvvisazione consente di riformare l’ontologia della musica nel suo complesso. Anche l’esecuzione o l’interpretazione di un’opera musicale sono di per sé inattese e inattesa è sempre la realtà concreta dell’opera, che vive soltanto nella performance.

Nuovissima rassegna What's Jazz curata da Arcote Jazz Torino, primo appuntamento con Johhny Lapio e il Porta Palace Collective che collabora nuovamente con un ospite internazionale come Rob Mazurek, una delle trombe più interessanti del panorama della musica d'avanguardia.
Vi aspettiamo tutti alle Officine Ferroviarie, alle 21.30, in c.so Sommeiller 12, a Torino.

Possibilità di prenotazione per cena.

RASSEGNA DI MUSICA IMPROVVISATA

 

Dal 3 novembre al via una nuovissima rassegna musicale tutti i giovedì sera dalle ore 21.30 presso il locale di Vanchiglia "Margò".

3   novembre: Arcote Project (funk, free jazz,rock)
10 novembre: Stolfi- Chiappetta (jazz, fusion)
17 novembre: Strino-Fernando sancez  (jazz)
24 novembre: Satoyama     (jazz elettrico-stile nord Europa)
1   dicembre: Bonifazi -Di Gregorio (jazz)
15 dicembre : Picchioni-De Carlo (elettronica)
29 dicembre: Cosmopolitan Underground (elettronica)
5   gennaio: Biggio duo (jazz)
12 gennaio: Mei-Begonia (jazz)
19 gennaio: Ferrario duo    (jazz bles free)
26 gennaio: Fulvio Chiara Solo's (tromba sola ed elettronica)










30 MAGGIO GAM

SYLVANO BUSSOTTI & PORTAPALACE COLLECTIVE

REGARDS

REGARDS

 Sylvano Bussotti, composizione

 Johnny Lapio, riduzione, arrangiamento, tromba

 Giancarlo Schiaffini, trombone

 Giuseppe Ricupero, sax tenore

 Lino Mei, pianoforte

 Gian Maria Ferrario, contrabbasso

 Ruben Bellavia, batteria

 Riduzione e arrangiamento a cura del trombettista Johnny Lapio dall’opera Pianoforte con orchestra del compositore Sylvano Bussotti. Bussotti, classe 1931, è uno dei compositori italiani viventi più noti al mondo. Il concerto, in prima assoluta, sarà eseguito dal Porta Palace Collective alla presenza del compositore che lo ha approvato e supervisionato personalmente. Il sestetto annovera tra i componenti il trombonista Giancarlo Schiaffini, personalità musicale di spicco del panorama avanguardistico europeo. Il concerto sarà preceduto dal breve percorso tematico Musica e Arte alla GAM, che offrirà al pubblico del museo un nuovo sguardo sulle relazioni di alcuni importanti artisti visivi del Novecento con i linguaggi sonori del secolo e con la libertà espressiva del jazz.

Maggiori info sul sito http://www.gamtorino.it/mostra.php?id=536


BEER & JAZZ ON MONDAY
IL JAZZ SBARCA AL BIRRIFICIO!

Tutti i lunedì sera dalle ore 21.30 il Jazz sposa la birra artigianale con "Beer & Jazz on Monday", la rassegna a cura di Arcote Jazz Torino con la direzione artistica del trombettista torinese Johnny Lapio. Ogni lunedì una nuova birra artigianale sarà presentata dalla musica di ospiti illustri del jazz italiano.


CHIARA, TESSAROLLO, BATTISTI

Tromba: Fulvio Chiara
chitarra: Luigi Tessarollo
contrabbasso: Mauro Battisti
Repertorio di brani standard, melodie della cultura popolare italiana e piemontese, canzoni d'autore e note melodie francesi
Arrangiamenti in chiave Jazz da Chiara e Tessarollo.

28 MAGGIO . MUSEO EGIZIO

ANTHONY BRAXTON SONIC GENOME

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sonic Genome è una performance musicale unica.

Un esperimento del compositore e sassofonista Anthony Braxton, volto a creare una sorta di "suono mondiale vivente". Più che un concerto è la creazione di un ambiente musicale interattivo.
Per otto ore di fila, una sessantina di musicisti dalle più diverse provenienze stilistiche danno vita a un happening, nelle sale del Museo Egizio, che coinvolge il pubblico facendolo entrare nel cuore del fare creativo, con esiti imprevedibili.

 Anthony Braxton, composizione, direzione
Kyoko Kitamura, canto
Mary Halvorson, chitarra
Taylor Ho Bynum, cornetta
Nat Wooley, tromba
Ingrid Laubrock, James Fei, Andrew Raffo Dewar,
Chris Jonas, ance
Sara Schoenbeck, fagotto
Reut Regev, trombone
Jay Rozen, tuba
Carl Testa, contrabbasso
Alexander Hawkins, tastiere
Jessica Pavone, viola

Rachel Bernsen, coreografa



ALESSANDRO CHIAPPETTA QUARTET
chitarra: Alessandro Chiappetta
contrabbasso: Misha Mullov Abbado
chitarra: Rob Luft
batteria: Ruben Bellavia


GREEN TRIO

Gianmarco Filippini - Pianoforte

Mario Iannuzziello  - Contrabbasso

Luca Di Battista – Batteria

Il Green trio è un progetto musicale nato attorno all'idea di sperimentare le sonorità e le contaminazioni del jazz moderno.

Avendo come punto di partenza il suono del jazz trio classico piano (rhodes)/ basso elettrico (contrabbasso)/ batteria il Green trio si propone di lavorare su una vasta gamma di soluzioni armoniche, timbriche, melodiche e ritmiche. Fatta eccezione per alcuni standard della tradizione dei grandi songwriters statunitensi ed alcuni brani d'autore scritti da maestri quali Duke Ellington e Bill Evans il Green trio compie le sue sperimentazioni sulla musica originale scritta da ciascun componente della formazione. 

ANTEPRIMA JAZZ FESTIVAL 2015

EQUIPAGE AMBASSADOR

Antonello Sbarra - banjo

Remo Scrivano - rullante e/o percussioni

Valerio Chiavarelli - basso tuba 

Leo Lagorio - sax c melody

Paolo Dutto - clarinetto

Luca Begonia- tromba

Marta Antolovich - trombone

                                         BABEMALA'

Laura Sartore - voce

Giovanna Garzena - flauto

Paolo Ferro - ghironda, percussioni, chitarra

Mauro Sarcinella - chitarra 

Giuseppe Tabbia - fisarmonica, mandolino

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 


DI GREGORIO-BEGONIA QUINTET

Gigi Di Gregorio - Sax tenore e soprano
Luca Begonia - Trombone
Michele Franzini - Pianoforte
Roberto Mattei - Contrabbasso
Nicola Stranieri - Batteria

Un nuovo Quintetto con musicisti di esperienza legati alla tradizione che oltre rivisitare celebri standard eseguiranno loro composizioni dando originalità al repertorio.


 
CHROMALKEMIKA

Pietro Sanfilippo  - Voce e chitarre

Denis Avanzi – Bassi e Cori

Roberto Bergamo – Chitarre e cori

Marco Alessi – Sassofoni

Renato Cavallero – Batteria, percussioni e cori

I Chromalkemica decidono di rivisitare in modo originale un'attenta selezione di brani italiani e stranieri, miscelando in modo curioso e mai banale ritmi pop, rock, funky, swing e ballads, alternando sonorità elettriche cariche di groove ad atmosfere acustiche. Lo spettacolo è pensato ed organizzato in modo tale da coinvolgere lo spettatore in modo totale, incuriosirlo sin dalle battute iniziali del primo brano.



CLAUDIO CAPURRO TRIO

Claudio Capurro – Sassofoni

Tiziana Cappellino – Pianoforte

Luca Curcio - Contrabbasso

Riduttivo descrivere la cifra artistica di Claudio Capurro, sassofonista genovese, conosciuto e apprezzato da tutti gli amanti del jazz.

La sua profonda conoscenza degli aspetti musicali, tutti, unita ad una ricchissima creatività, ne fanno un musicista straordinariamente duttile e prezioso.

Da ormai diversi anni è unanime l’opinione che Capurro rappresenti una delle più alte espressioni compositive e strumentali ben oltre i confini europei.


MAX CARLETTI TRIO

Max Carletti - Chitarra

Paolo Franciscone - Batteria

Stefano Profeta - Contrabbasso

Formazione molto aperta, dove ognuno è libero di interpretare a modo suo le diverse influenze. Non ci sono formule obbligate, ciascuno esprime la propria formazione musicale come meglio crede. A volte reinterpretano vecchie musiche, altre suoniamo composizioni originali. La forma musicale è legata al jazz, il fraseggio è jazzistico, fanno però attenzione a non limitarsi a questo solo veicolo espressivo.



 
CLAUDIO CHIARA TRIO

Claudio Chiara Trio
Claudio Chiara - sax alto
Fabio Gorlier - pianoforte
Alessandro Maiorino - contrabbasso
L'alto sassofonista Claudio Chiara, con il pianista Fabio Gorlier e il contrabbassista Alessandro Maiorino propone brani originali e standards tratti dal repertorio di famosi compositori come Duke Ellington, Cole Porter, Benny Carter, Jimmy Van Heusen etc., rivisitati per la formula del trio.


 

 


SOUL NASSAU


Musica, Arti Visive, Scrittura, Teatro e Cinema:

Masterclass e seminari con professionisti del settore, per giovani fra i 17 e i 28 anni che vogliano mettersi alla prova. Diamo vita vita al primo Festival della Cultura Contemporanea di Porta Palazzo!


 LINO MEI

Lino Mei - Pianoforte

Gualtiero Marangoni – Basso

Luigi Boscaglia – Sassofono

Luca Fuiano – Batteria

Il quartetto dell’eccelso pianista Lino Mei affronterà un repertorio che in pochi sono in grado di proporre, dagli Yellow Jackets aTania Maria, passando per Kenny Garrett.

 

 


 

 

 

 

 

SMS QUINTET

Il quintetto diretto dal contrabbassista francese Yves Rossignol, presenta un repertorio di brani e arrangiamenti scritti dai maggiori componenti dei Jazz Messengers di Art Blakey, come Horace Silver, fondatore del famoso gruppo, Lee Morgan o ancora Benny Golson. Un omaggio alla corrente più allegra e gioiosa del nascente stile Hard Bop dei anni '60

Gianpiero LoBello alla tromba, Danilo Pala al sax contralto, Sergio Di Gennaro al pianoforte, Yves Rossignol al contrabbasso, Alessandro Minetto alla batteria.


 

 

 

FEDERICO MONETTA QUARTET


 

 

 

 

 

 

 

 


ARCOTE PROJECT


TASCHINI ABBATE QUARTET

Franck Taschini- Sax tenore

Corrado Abbate - Pianoforte

Stefano Risso - Contrabbasso

Luigi Bonafede - Batteria

Quartetto formato da musicisti che, pur collaborando fra loro in più occasioni, non si erano mai esibiti tutti assieme, con Luigi Bonafede, pianista di gran classe, che qui mette a servizio del gruppo le sue altrettanto notevoli doti di batterista. Il repertorio è costituito in prevalenza da composizioni originali, intercalate da rivisitazioni di standards più e meno noti. Melodia, armonia e ritmo si fondono con equilibrio in questo progetto di jazz contemporaneo che è un felice connubio di tradizione e di modernità. 


 

 

 

 

 

WAYNE SHORTER PROJECT

 Emanuele Sartoris, pianoforte
Riccardo Manachino, contrabbasso
Cesare Petrelli, batteria

A partire dalle strutture armoniche, fino agli intrighi ritmici, i brani di Shorter sembrano offrire originalità e innovazione a tuttotondo. Il trio WSP raccoglie la sfida: mutua il sound del quintetto di Shorter sintetizzandolo e rielaborandolo per un trio, creandone così una riduzione con nuove sonorità.



TRIBUTE TO ELIS REGINA IN TRIO

Valbilene Coutinho, di Rio de Janeiro, è una delle più importanti interpreti di Bossa Nova. In Italia. dal 2008 sarà a Torino per presentare un omaggio alla celebre cantante Elis Regina Sarà Accompagnata dal noto ed esperto chitarrista ligure Riccardo Anfosso e ospiteranno il sassofonista torinese Gigi Di Gregorio.


 

 

 


RICCARDO ZEGNA E FULVIO CHIARA DUO